Anche quest’anno, la Scuola per Equilibristi Sognatori sta per concludersi e per il gran finale abbiamo riservato l’argomento più “elevato” per un Leader: la vision e i valori.

Leadership di Senso” è la tappa conclusiva del nostro percorso dedicato a manager e imprenditori, una giornata di formazione in cui ci concederemo il tempo per spiccare il volo e guardare il nostro lavoro dall’alto e contemporaneamente dalle radici più profonde.

Con Padre Natale Brescianini, monaco benedettino che da sempre unisce i concetti della spiritualità al coaching, potrete riflettere sul significato profondo di ciò che fate ogni giorno, porvi nuove domande e iniziare la vostra ricerca di senso, per riscoprire una nuova motivazione al lavoro e una rinnovata energia per guidare i vostri collaboratori.

L’intervista a Padre Natale Brescianini

Padre Natale, ormai sei un volto noto agli eventi di SCR, infatti alcuni ti hanno già conosciuto alla Scuola per Equilibristi Sognatori dello scorso anno. Quest’anno ci parlerai di “Leadership di senso”: in che modo questa ha a che fare con il tema di “leadership e spiritualità” che hai affrontato lo scorso anno?

Penso che siano direttamente collegate in quanto la Leadership di Senso utilizza l’Intelligenza Spirituale per poter essere esercitata.

Il termine intelligenza ha a che fare con la capacità di “Intus-lègere” (leggere dentro, in profondità) e di “Inter-lègere” (leggere tra, cioè trovare nuove connessioni).

Il termine spirituale, come abbiamo visto lo scorso anno, è molto legato alla capacità di abitare le Domande di Senso, quelle domande che danno direzione e significato a ciò che facciamo.

Ecco, la Leadership di Senso è un modo nuovo e particolare di guardare la realtà economica e non solo per andare in profondità e saper trovare nuove connessioni, interpretazioni, collegamenti e quindi nuove soluzioni e risposte.

Negli ultimi anni, sembra che nel mondo del lavoro sempre più persone diano importanza ai valori dell’azienda, a volte ancor di più che agli aspetti legati ai dati di business. Sei d’accordo con noi? E a cosa ritieni che sia dovuto questo cambiamento?

Come ama dire Papa Francesco: “Non siamo in una epoca di cambiamenti, ma in un cambiamento d’epoca” e anche il mondo economico lo è.

Molti conoscono la formula della sostenibilità: People, Planet, Profit.
Una azienda è sostenibile se tiene insieme le persone, il pianeta e il profitto.

Per troppo tempo abbiamo privilegiato solo il profitto; come società abbiamo certamente fatto passi da gigante in molti settori, ma abbiamo corso il rischio di dimenticarci delle persone e del pianeta.

Ora, se vogliamo continuare a fare profitto dobbiamo recuperare anche le persone e il pianeta.

L’azienda non è solo un attore puramente economico, ma è anche un attore sociale, o come direbbe un formatore “Non tutta la vita deve essere lavoro, ma tutto il lavoro deve essere vita” (Peretti. A.), cioè deve rispondere alle logiche che ci fanno sperimentare la vita piena.
Altrimenti il rischio è che sperimentiamo la vita solo nei fine settimana o durante le ferie… ma sono solo pochi giorni all’anno!

Per quale motivo trovare il “senso” e il “significato” sono importanti per un leader? E come possono questi elementi influenzare la vita professionale di un manager e dei suoi collaboratori?

Trovare un senso più ampio e profondo a ciò che facciamo quotidianamente, ci permette di farlo meglio e con più soddisfazione.

Ci fa sperimentare la bellezza di una fatica sana. A noi esseri umani non è che non piace faticare; non ci piace faticare se non sappiamo il perché lo stiamo facendo.

Approfondisci questo argomento, leggendo l’intervista a Padre Natale: “Spiritualità e business, alla ricerca del significato”

Perché sperimentare alcune sensazioni solo quando facciamo un hobby, o esercitiamo una passione?
Senza senso e significato la fatica diventa sofferenza, e poi i risultati non arrivano.

Con una consapevolezza maggiore del senso e del significato inoltre sappiamo distinguere ciò che è veramente importante e non andiamo in affanno seguendo solo urgenze ed emergenze; siamo in grado di affrontare meglio le difficoltà, avere la pazienza per i giusti tempi nostri e degli altri.

Insomma, occorre guardare la realtà con altri occhi, andare in profondità e trovare nuove connessioni.
Torniamo all’intelligenza spirituale.

Ci lasceresti una frase che riassuma il perché un leader dovrebbe partecipare alla sesta tappa della Scuola per Equilibristi Sognatori 2024?

Poiché la qualità della risposta dipende dal tipo di domanda che ci facciamo. Imparare a farsi le domande giuste in modo giusto è il primo passo importante per ottenere risultati non solo economici.

Post correlati

I commenti sono chiusi

Share This

Share this post with your friends!