I nostri interventi di change management vengono realizzati a partire dai risultati dei percorsi di analisi nei quali vengono evidenziati e definiti i cambiamenti necessari e i punti di attenzione, le criticità e gli interventi necessari al fine di gestire efficacemente le fasi di trasformazione. 

l focus dei nostri interventi di change management sono le persone. Per affrontare efficacemente ogni cambiamento significativo all’interno delle imprese relativo alle abitudini, metodologie lavorative all’organizzazione, al modello di business o della governance aziendale, occorre costruire piani di intervento multilivello che hanno come obiettivo quello di ridurre le resistenze attraverso il coinvolgimento, l’attenzione ai tempi, le modalità comunicative e lo sviluppo di competenze.

I nostri consulenti affiancano l’impresa e gli altri partner che la accompagnano nei processi di cambiamento hard, nel facilitare il processo suggerendo azioni che riducano gli impatti negativi determinati dalla mancanza di coinvolgimento delle persone, dalle paure che si generano a partire da una comunicazione errata o assente. È fondamentale anticipare gli effetti che avranno le azioni intraprese sulle persone, per evitare i costi generati dalla scarsa attenzione a questi aspetti. Il “come” si affronta il cambiamento diventa essenziale e marca la differenza tra il successo o l’insuccesso di un percorso di trasformazione aziendale di qualsiasi tipo.

Vuoi avviare un percorso di cambiamento in azienda?

Il disegno organizzativo si attua a più livelli: dal macro (organigramma) per passare ai processi e poi al micro (job di ruolo) partendo dai risultati di un’analisi del contesto organizzativo, correlato agli obiettivi presenti e futuri che l’azienda si pone.

Lo scopo è realizzare maggiore efficacia del modello organizzativo chiarendo articolazione, obiettivi, responsabilità, processi di riferimento e definendo meccanismi di coordinamento tra le diverse unità.

I nostri consulenti intervengono sia nei casi in cui va creata una formalizzazione dell’organizzazione in atto attraverso la definizione dell’organigramma e la descrizione dei principali flussi di processo e delle job description – chiarendo internamente chi fa cosa -, sia nei casi in cui occorre passare da un AS IS ad un TO BE, adeguando la struttura agli obiettivi strategici dell’impresa e al contesto competitivo in cui l’azienda opera.

È un percorso di confronto tra gli attori aziendali che permette di identificare l’azienda oggi, come agisce, chi vuole servire e la cultura che coltiva.
I valori aziendali identificano chi siamo e come vogliamo essere riconosciuti. Ciò che rende evidenti i valori aziendali però sono i comportamenti che tutte le persone agiscono quotidianamente nel lavoro che svolgono. 

Aiutiamo l’impresa nel definire una carta dei comportamenti (come facciamo le cose, come gestiamo utenti, clienti, fornitori, relazioni, etc.) allineati ai valori aziendali. La carta dei comportamenti viene realizzata con il contributo delle persone che tutti i giorni agiscono sul campo: sono loro, guidati dai nostri consulenti, a fare match tra i valori che li rappresentano e il modo in cui agiscono il lavoro.

Questo progetto è utile per: 

  • Diffondere e rendere operativi i valori aziendali
  • Migliorare il senso di appartenenza e messa in atto dei comportamenti, perchè sono le persone stesse ad identificare i modi di fare adeguati ai valori che vogliono rappresentare
  • Fortificare l’identità e la distintività dell’azienda dentro e fuori, creando coerenza tra ciò che si dice e ciò che si fa
  • Mantenere saldi i valori, l’identità e le migliori pratiche in caso di acquisizioni, reti e punti vendita distribuiti sul territorio (es. Catene retail o Franchising), subentro in appalti o come momento di induction per neoassunti


Supportare le imprese nelle fasi di ricambio generazionale al vertice è fondamentale per la buona riuscita di questo delicato passaggio. Nelle imprese familiari è sempre più frequente, e lo sarà sempre più in futuro, il passaggio di testimone tra la storica conduzione maschile e le nuove generazioni al femminile.
Alle dinamiche tipiche del passaggio generazionale, si affianca il tema della costruzione di una
leadership al femminile e la necessità considerare e gestire dinamiche relazionali, aspettative di indipendenza e nuovi modelli culturali e gestionali che sono tipiche di questo mix tra differenze generazionali e differenze di genere.

Accompagniamo gli attori coinvolti attraverso un lavoro di mediazione e di sviluppo di competenze e nuove modalità di confronto al fine di permettere un passaggio del testimone reale, che tenga conto delle differenze di stile, di approccio e culturali che si tramutano in modalità gestionali nuove e diverse

I risultati saranno diversi:

  • Favorire l’indipendenza pur nella collaborazione e nel proficuo passaggio di competenze
  • Permettere alle nuove protagoniste di “sentire propria” l’azienda potendo agire uno stile nuovo, diverso da quello precedente
  • Tutelare i rapporti famigliari
  • Favorire la comunicazione interna per garantire un passaggio senza strappi e rotture ma all’insegna del cambiamento costante e condiviso


Lavorare sui processi comunicativi porta a rimuovere quei “blocchi” che possono deteriorare lo “stare al lavoro”. Migliorare i processi di comunicazione è sinonimo di chiarezza, condivisione, motivazione, rinnovamento, comprensione.

I due principali strumenti per analizzare, valutare e di conseguenza lavorare sui processi di comunicazione interna sono:

  • L’analisi organizzativa, che mira ad individuare quanto sono condivise le informazioni circa ruolo, business, obiettivi.
  • L’analisi di clima, che mira a individuare la percezione delle dinamiche relazionali-comunicative che si creano all’interno del contesto lavorativo.

Il risultato è una restituzione di informazione che ha l’obiettivo di creare una base comune e condivisa di consapevolezza. A seconda dell’output si andrà poi definire un piano di intervento concreto e mirato nell’ottica del raggiungimento di un macro-obiettivo condiviso.

Il servizio vede i nostri consulenti operare in affiancamento e supervisione al board, alla proprietà e/o alla funzione Risorse Umane su temi e scelte strategiche ad impatto sulle persone oppure con l’obiettivo di rafforzare i processi attinenti la Direzione Risorse Umane.

Gli strumenti vengono definiti di volta in volta in base all’obiettivo concordato e possono essere costituiti da sessioni di coaching, interventi formativi, tavoli di lavoro e di supervisione, temporary management in qualità di HR Business Partner, consulenza su specifici progetti o continuativa.

In base all’esigenza riscontrata in fase di analisi, gli output dell’attività di Consulenza Direzionale e Sviluppo dell’Area HR sono diversi e vanno dall’affiancamento alla direzion e in relazione alle scelte strategiche ad alto impatto sulle persone e sui sistemi organizzativi e gestionali, fino alla creazione di strumenti di gestione e sviluppo delle persone e al rafforzamento delle competenze e dell’organizzazione della Direzione Risorse Umane.

Si tratta di un insieme di interventi volti ad implementare con consapevolezza modalità lavorative non convenzionali in azienda come la flessibilità oraria e lo smart working.

Si parte da un’analisi dello status quo aziendale, con un particolare focus sulle modalità organizzative dei vari reparti, dei vari team di lavoro e delle specifiche attività delle persone che compongono l’organizzazione. Si avanzerà mediante valutazioni del grado di predisposizione individuale e preparazione ad una nuova modalità di lavoro flessibile/agile, si individueranno le esigenze formative e si attueranno interventi formativi volti alla preparazione delle persone al lavoro autonomo e responsabile. Ai manager sarà riservato un percorso mirato per potenziare le skill di leadership, di delega, di gestione dell’errore, di comunicazione e negoziazione a distanza.

Questa tipologia di interventi mira ad equipaggiare in modo soddisfacente le aziende che decidono di avviare nuove modalità di lavoro che garantiscano una serie di benefici ai propri dipendenti e al proprio business.