Lo scopo del presente elaborato è quello di fare un po’ di chiarezza rispetto alle attività che tale figura professionale svolge.

Se l’oggetto di studio della psicologia sono i processi mentali e i comportamenti delle persone, la peculiarità della psicologia del lavoro è quella di studiarli all’interno delle organizzazioni. Tale professionista può svolgere la sua attività sia per l’azienda di cui è dipendente (nel caso di realtà medio grandi) sia come consulente esterno; in entrambi i casi sono molteplici le situazioni che potrebbero richiedere l’intervento dello Psicologo del Lavoro. Alla base di tutti gli interventi che tale figura mette in atto, deve esserci un’attenta e profonda analisi a livello organizzativo e del capitale umano. Dopo aver condotto tale valutazione, sarà possibile organizzare e implementare in maniera più corretta e efficace un processo selettivo, un corso di formazione o un progetto di valutazione del potenziale.

Le attività di seguito riportare non sono ad appannaggio esclusivo dello Psicologo del Lavoro, ma rappresentano degli esempi in cui il contributo di tale figura professionale permette di prendere in considerazione aspetti che non sempre sono valutati ma che possono pregiudicare la performance lavorativa.

Selezione del personale

Coinvolgere lo Psicologo del Lavoro in un iter selettivo significa voler porre l’attenzione non soltanto sulle competenze tecniche necessarie per svolgere in maniera efficiente il ruolo, ma anche su quelle relazionali, sulla motivazione e sul contributo che una persona potrebbe dare una volta inserita in azienda. La motivazione è un elemento fondamentale nei processi di selezione, spesso rappresenta il fulcro attorno al quale si costruisce il colloquio ed è il valore aggiunto che l’intervento dello Psicologo del Lavoro può dare.

Lo Psicologo è in grado infatti di fare il confronto tra competenze richieste e competenze possedute tenendo in considerazione in tale match anche il contesto organizzativo in cui tale profilo sarà inserito e l’eventuale percorso di carriera previsto per la posizione.

Formazione

I corsi di formazione sono tante volte considerati inutili o ridondanti, spesso perché non sono progettati ad hoc ma sono pacchetti preconfezionati e per tale natura adattabili a molteplici contesti. Questo li rende raramente idonei a creare un reale momento di confronto tra partecipanti e formatore attraverso il quale poter acquisire strumenti o nozioni in grado di migliorare l’esperienza lavorativa. Se i percorsi formativi fossero concepiti come uno strumento che l’azienda ha a disposizione per far crescere l’azienda, alla pari dei contatti commerciali o delle campagne di marketing, probabilmente ci sarebbe maggiore attenzione nei contenuti trattati e nelle modalità di erogazione. Lo Psicologo del Lavoro può creare momenti formativi che (grazie alla precedente analisi) possono focalizzarsi sulle reali criticità del ruolo, del mercato e andare a fornire strumenti utili per fronteggiarle. Il momento formativo non è da considerarsi soltanto quello in aula, ma può avvenire anche grazie all’affiancamento .

Valutazione del potenziale

La valutazione del potenziale è quel processo grazie al quale si scatta una fotografia dello stato attuale di un professionista per poi tracciarne quello che potrebbe essere il suo percorso di carriera. Durante tale percorso lo Psicologo del Lavoro può supportare il professionista a superare eventuali momenti di impasse, fornendo strumenti idonei a sfruttare le proprie competenze per poterne acquisire di nuove utili a ricoprire ruoli di maggiore responsabilità e autonomia.

Considerando che sono differenti le professionalità che operano in ambito risorse umane, e quindi i contributi che esse possono dare, reputiamo sia importante conoscerle per decidere a chi affidarsi e a chi affidare i propri dipendenti e quindi la propria azienda.

Si laurea in Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni nel 1995 ed è iscritta all’Albo Professionale dal 1997. Frequenta la Scuola di Formazione Formatori del Prof Francesco Avallone ed è specializzata in dinamiche nei piccoli e grandi gruppi, benessere organizzativo, sviluppo del potenziale, coaching individuale, team coaching e gestione psicosociale. Ha una grande esperienza nelle dinamiche di gestione del cambiamento, di gestione dei conflitti interpersonali e aziendali. Ha lavorato nella gestione di processi di riallineamento interfuzionale. Conosce ed ha gestito analisi degli assetti organizzativi, anche in caso di fusione e/o acquisizione aziendale. Ha lavorato come Change Manager in progetti di implementazione ERP per Grandi e Medie Aziende Nazionali e Multinazionali. Entra a far parte del Team SCR selezione e consulenza per le risorse umane nel 2015 e nel 2016 ne diventa Socia.

Si laurea in psicologia clinica e di comunità nel 1996. Dopo una formazione post-laurea in counselling orientativo e professionale, inizia la sua esperienza nel campo della psicologia del lavoro. Prima partecipando alla progettazione e allo sviluppo del servizio SIO della Provincia di Ravenna, primo esperimento pubblico di gestione specialistica dell’incontro tra domanda e offerta di lavoro poi nel 2007 fondando SCR società di consulenza in ambito risorse umane specializzata nella ricerca, selezione e gestione del personale. Stefania è specializzata nella conduzione di colloqui a carattere valutativo, nell’utilizzo di testistica per l’analisi del profilo psicoattitudinale e nella progettazione e realizzazione di assesment e di percorsi di analisi e intervento organizzativo. Attualmente iscritta all’albo degli psicologi della Regione Emilia Romagna.

Si Laurea in Psicologia Clinica e di Comunità nel 1996, nel 2002 inizia la sua esperienza nel mondo della psicologia del lavora collaborando prima con il Centro per l’Impiego di Ravenna nella progettazione, realizzazione e gestione di azioni (quali, a titolo esemplificativo, tirocini formativi, incontri informativi, formazione individualizzata) finalizzate all’inserimento lavorativo di persone disoccupate. L’interesse per la materia la spinge a frequentare un Executive Master in selezione e valutazione delle risorse Umane svolto presso il Centro di Formazione Manageriale e gestione d’impresa della CCIAA di Bologna. Nel 2007 partecipa, come socia, alla nascita di SCR società di consulenza in ambito risorse umane specializzata nella ricerca, selezione e gestione del personale dove si occupa della gestione di percorsi di selezione, conduzione di colloqui a carattere selettivo, direalizzazione di assessment di gruppo, di utilizzo di testistica specialistica. È iscritta all’Albo degli Psicologi della Regione Emilia Romagna.